SIAMO DIVENTATI TUTTI HITLER O HITLER E’ DIVENTATO IL PRECURSORE DEI NUOVI DIRITTI CIVILI ?

 

COMUNICATO DEL 5 SETTEMBRE 2012

 

Il Consiglio Direttivo dell’AIGOC, Associazione Italiana Ginecologi ed Ostetrici Cattolici leggendo la sentenza di una sezione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, che ha ritenuto il divieto di diagnosi genetica preimpianto sull’embrione prodotto in vitro contrario all’articolo 8 della Convenzione, ed alcuni commenti ad essa correlati ha rilasciato questa dichiarazione “Siamo profondamente rattristati ed addolorati perché tocchiamo con mano come in poco più di 60 anni ciò che é stato considerato un crimine contro l’umanità (la selezione eugenetica voluta da Hitler, …) per i giudici di questa sezione della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è divenuto un diritto tanto importante da condannare lo Stato Italiano a risarcire la coppia che non l’ha potuto esercitare.In occasione dell’assegnazione del premio Nobel ad Edwards – affermano i Dirigenti dell’AIGOC ‐ abbiamo denunciato l’altissimo costo in vite umane innocenti di queste tecniche di riproduzione umana ‐ che in senso strettamente scientifico non possono e non potranno mai essere considerate terapie – che nel 2010 in Italia hanno causato la morte di 121.750 embrioni per far nascere 10.036 bambini, superando addirittura il numero delle vittime della legge 194/1978 nello stesso anno (115.372).

Questa sentenza sarebbe – dovrà essere confermata dalla Grande Chambre della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ! – disastrosa perché di fatto distruggerebbe il pilastro fondante della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo contenuto nel suo preambolo “il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali ed inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo”, omettendo di tener conto non solo dei dati offerti universalmente dalla scienza sull’inizio della vita umana ma anche della recente definizione della Corte di Giustizia dell’Unione Europea “costituisce un «embrione umano» qualunque ovulo umano fin dalla fecondazione, qualunque ovulo umano non fecondato in cui sia stato impiantato il nucleo di una cellula umana matura e qualunque ovulo umano non fecondato che, attraverso partenogenesi, sia stato indotto a dividersi e a svilupparsi.”

Per scaricare il Comunicato CLICCA QUIComunicatoAIGOC_Sentenza-Corte-Europea05.09.12

Torna su