IL VIA LIBERA ALLE NUOVE LINEE GUIDA DEL MINISTRO SPERANZA È FONDATO SU DATI INATTENDIBILI, INCOMPLETI, FUORVIANTI E PRIVI DI OGNI SCIENTIFICITÀ ?

 

COMUNICATO STAMPA N. 5 DEL 28 AGOSTO 2020

 

Il parere unanime del Consiglio Superiore di Sanità sull’utilizzo della RU486 senza ricovero ospedaliero fino alla nona settimane di gravidanza ci ha sorpresi e spinti a ricercare sul sito del Ministero della Salute il testo per verificarne le fonti, ma non lo abbiamo trovato: chi sa perché?

Abbiamo cercato sul sito dell’AIFA il testo della Delibera dell’11 agosto 2020 e della Determina del 12 agosto 2020 ed in entrambi i documenti abbiamo trovato scritto quanto segue: “Considerati i dati del sistema di sorveglianza delle interruzioni volontarie di gravidanza (IVG) farmacologiche, inclusi anche nelle relazioni sull’attuazione della legge 22 maggio 1978 n. 194 del Ministro della Salute al Parlamento, da cui si evince la comparabilità delle procedure medica e chirurgica, in termini di efficacia e di sicurezza, evidenziando la sicurezza del farmaco anche per trattamenti effettuati oltre il termine dei 49 giorni, nonché l’assenza di differenze nel profilo di sicurezza tra le donne ricoverate e quelle che avevano fatto ricorso alla dimissione volontari dall’ospedale,”.

Abbiamo scoperto che l’autorevole fonte che ha determinato le due subentranti modifiche dell’AIFA al foglietto illustrativo aggiornato il 6 giugno 2018 sono i dati offerti dalle Relazioni al Parlamento del Ministro della Salute sull’applicazione della legge 194/1978 !

La tabella 1 che evidenzia il notevole numero di dati fondamentali non rilevati nell’anno 2018 e la tabella 2 ( cfr. testo integrale), che rivela l’incompletezza e la discordanza dei dati offerti nelle tabelle 27 ogni anno dalle Relazioni Ministeriali sulla legge 194/1978 con i dati offerti nella relazione stessa riguardo all’aborto farmacologico dimostrano che non esiste comparabilità delle procedure medica e chirurgica, in termini di efficacia e di sicurezza, né l’assenza di differenze di profilo di sicurezza tra le donne ricoverate e quelle che avevano fatto ricorso alla dimissione volontaria.

Il numero totale di complicazioni registrate nelle ivg farmacologiche nel 2018 (551) è addirittura superiore a quello totale registrato in tutte le ivg fatte nello stesso anno (414), pur essendo le ivg farmacologiche solo il 20,63% di tutti gli aborti volontari!

Anche riguardo alla mortalità materna le Relazioni Ministeriali sottostimano il dato segnalandone 2 nel 2014 ed una nel 2016. Il Primo Rapporto ItOSS Sorveglianza della mortalità Materna anni 2013-2017 segnala altre due morti, cui si aggiunge un’altra morte segnalata nel Rapporto Regionale Mortalità e Morbosità Materne in Emilia e Romagna.

Facendo un calcolo su questi dati certi e considerando la sola morte del Piemonte attribuibile all’aborto volontario farmacologico abbiamo una mortalità dello 0,78/100.000 ivg farmacologiche contro una mortalità dello 0,067/100.000 ivg chirurgiche, cioè la mortalità per aborto volontario farmacologico è 11,64 volte maggiore di quella per ivg chirurgica, per cui è falso affermare “la comparabilità delle metodiche medica e chirurgica, in termini di efficacia e sicurezza, … nonché l’assenza di differenze nel profilo di sicurezza tra le donne ricoverate e quelle che avevano fatto ricorso alla dimissione volontaria dell’ospedale”. La morte del 2014 in Campania – pur avendola considerata tra le ivg chirurgiche – ci dice chiaramente che somministrare farmaci come le prostaglandine e permettere il ritorno a casa per dimissione volontaria è molto pericoloso, anzi letale!  Come può essere letale, anche, continuare a tollerare passivamente il commercio di prostaglandine per l’aborto illegale più volte documentato in trasmissioni televisive!

Siamo contrari ad ogni forma di attentato alla vita umana – in particolare se innocente ed indifesa come il concepito – sia esso l’aborto farmacologico che chirurgico, l’aborto eugenetico che quello “illegale”, o quello molto più numeroso – occultato e quasi mai menzionato – delle pillole del/i giorno/i dopo, delle spirali, delle pillole e.p., dei progestinici nelle varie forme di somministrazione e dei vaccini anti hcg, ma esigiamo che nel formulare pareri tecnici di pubblica utilità non venga per lo meno offesa l’intelligenza di chi legge questi documenti.

CLICCA QUI PER LA VERSIONE INTEGRALEComunicato Stampa AIGOC n 5 del 28 AGOSTO 2020 testo integrale