Nel nostro ultimo comunicato stampa (https://aigoc.it/2020/04/10/la-salute-delle-donne-non-e-tutelata-comunicato-a-i-g-o-c-n-2-del-10-aprile-2020/) abbiamo espresso in modo molto chiaro come i tentativi fatti da posizioni ideologiche reiterate e ben conosciute – approfittando della pandemia coronavirus – di domiciliare l’aborto farmacologico e di estenderlo fino alla nona settimana, non tutelavano affatto la salute delle donne che vi facevano ricorso, ma ne aumentavano significativamente i rischi.

La notizia che la Giunta Regionale Umbra abbia abrogato la delibera n. 1417  del 4 dicembre 2018, che  … intende estendere a tutte le strutture regionali che effettuano IVG chirurgica l’opportunità di somministrare la RU486 in regime di ricovero in day hospital terapeutico/interventistico e in regime di ricovero ordinario.” viene da noi molto positivamente accolta, perché dimostra che ancora ci sono Amministratori attenti alle evidenze scientifiche e alla tutela della salute delle donne.

Ci auguriamo che altri Amministratori Regionali sappiamo anteporre la tutela della salute fisica e psichica delle donne e non cedere ai ripetuti tentativi di privatizzazione e banalizzazione dell’aborto volontario.

 

 

PER SCARICARE IL COMUNICATO CLICCA QUIComunicato Stampa AIGOC n 3 del 16 giugno 2020