Prof. Giuseppe Noia
Docente Medicina Prenatale – Università Cattolica del Sacro Cuore – Roma
Responsabile Hospice Perinatale – Policlinico Gemelli

Presidente A.I.G.O.C.
Presidente Fondazione Il Cuore in una Goccia Onlus

INTRODUZIONE

Mai come in questo periodo stiamo riscoprendo, nel quotidiano riflettere, in solitudine, la meravigliosa bellezza della nostra vita. Quando fu pubblicata l’Enciclica Evangelium Vitae, 25 anni fa, io, che mi diletto a scrivere canzoni e cantarle ho pensato di far parlare quelle persone che nessuno fa parlare dando voce a chi non ha voce: i bambini abortiti volontariamente. In una canzone dal titolo “Il Giardino del Re” scrivevo questo testo: “Siamo fili d’erba nel Giardino del Re, tenera riserva di un incanto che è questa nostra vita che continuerà oltre le miserie della falsità”. Ho pensato che queste parole potessero sintetizzare 3 aspetti fondamentali: a) la tenera e infinita dignità degli embrioni abortiti (i fili d’erba) considerati “riserva umana” scartata ed eliminata dal crescere nel giardino della storia dell’umanità, che è la nostra esistenza; b) il destino immortale di queste vite “falciate”; c) la falsità scientifica, giuridica, psicosociale che ne autorizza la “falciatura”. Ecco perché quando riflettiamo sulla custodia della vita e sulla sua generazione, dovremmo sostanzialmente riflettere sulla sua preziosità e grandezza (E.V. Introduzione, 2 1995) perché l’uomo è chiamato ad una pienezza di vita che va ben oltre le dimensioni della sua esistenza terrena poiché consiste nella partecipazione alla vita stessa di Dio (E.V. Introduzione, 2 1995).

LA CUSTODIA DELLA VITA

Se siamo convinti della sua preziosità con quali occhi la guardiamo, la custodiamo e la difendiamo? La custodia della vita appare nel mondo psicosociale attuale una altalena tra l’indifferenza e la solidarietà. E sappiamo rispondere alla indifferenza con la solidarietà? Quanto siamo solidali con il valore del dono della vita e della possibilità di poter generare? E quale consapevolezza abbiamo di quello che avviene nel cuore di una donna, di una coppia, di una famiglia quando perde il figlio, quando si perde il dono tanto desiderato? Tutto questo processo di valorizzazione del dono della vita oggi è profondamente messo in discussione perché viviamo nel mondo delle “I“: sembra che siamo tutti amici di Narciso, figli di Pilato e solidali con Caino. Individualismo (Narciso), Ignavia (Pilato), Indifferenza (Caino), sono i 3 giganti del nostro vivere relazionale ma un grande sociologo moderno ha scritto che: “La più grande povertà dei nostri tempi è la povertà delle relazioni”(P. Donati, 1986; 1997; 2013). Siamo quindi dinanzi ad una povertà spirituale e intellettuale e allora ci chiediamo: tutto questo ci fa vedere l’essenziale che è invisibile agli occhi? Ci fa vedere come la più grande e importante relazione della nostra esistenza abbia un percorso di pedagogia del vivere impostato alla oblatività dell’uno (il figlio) verso l’altra (la madre) e viceversa? Ci fa vedere come i processi di crescita biologica psicologica e relazionale nascono da vere e proprie uccisioni del proprio io? Se non ci sono gli occhi del cuore il più grande insegnamento relazionale (tra l’embrione e la madre) viene silenziato, praticamente non visto, realmente non esistente.

LA GIUSTIFICAZIONE SOCIALE DELL’ABORTO VOLONTARIO
Sempre più spesso il diritto alla vita si piega e si spegne sotto la pressione delle logiche di una società che tenta di sopprimere tutto ciò che non rientra nei suoi canoni (oggi più che mai discutibili): tutto ciò che non è “perfetto”, tutto ciò che può creare uno “spreco” di denaro per la società, tutto ciò che crea sofferenza. Il problema reale, del ricorso a questo criterio di “massima efficienza” sta nel soggetto verso cui è indirizzato: il bambino che deve ancora nascere, l’embrione “uno di noi”, “l’uomo embrione”.  Ne deriva una vera e propria “selezione” dell’uomo su sé stesso, senza guardare ai destini infinitamente grandi che ogni essere umano porta nella sua storia esistenziale: “Gli esseri umani, anche se sono destinati a morire, non sono nati per morire ma per incominciare”. (Hannah Arendt, 2011)
L’attuale sistema sociale, probabilmente nella consapevolezza della deprecabilità di tale approccio (che va a gravare sul nascituro affetto da patologia, ovvero, un essere totalmente indifeso), tenta di creare delle regole, delle “attenuanti”, per giustificare e rendere giuridicamente e socialmente lecito ciò che è umanamente aberrante sul piano concettuale ed umano: non si può eliminare la sofferenza eliminando il sofferente. Anche in questo periodo di grande sofferenza personale, familiare e sociale, dinanzi al blocco quasi totale delle attività e dei servizi, la macchina degli aborti volontari non viene fermata cosi come la produzione e la vendita delle armi e per garantire il “diritto” di poter scegliere sulla vita di un’altra persona viene proposto l’assurdo aborto telemedico cioè guidare la paziente ad assumere farmaci abortivi per via web. Tuttavia, la risposta a questa grande menzogna culturale e sociale viene da tante donne e da tante madri e che nell’accogliere i propri figli gridano: “Siamo nati e non moriremo mai più”. (Chiara Corbella 2013)

I TRE CARDINI DELLA SCIENZA SULL’ EMBRIONE COME PERSONA
1. L’embrione come protagonista biologico. Il primo aspetto è l’autonomia biologica dell’embrione che si costituisce sin dopo il concepimento. Per approfondire questa realtà è bene far parlare la scienza. Nel novembre del 2000 il British Medical Journal, nel suo editoriale, affermava che “l’embrione è un attivo direttore d’orchestra del suo impianto e del suo destino futuro”. Questa affermazione riassume molto bene la prima evidenza scientifica su cui si fondano i diritti dell’embrione: il suo protagonismo biologico. Lo zigote (il nome con cui si chiama l’embrione subito dopo la fusione delle due cellule germinali, spermatozoo e ovulo), pochi minuti dopo la fusione del materiale genetico, mostra una sua precisa identità genetica di 46 cromosomi, tipici di un individuo umano; inoltre l’assemblaggio del materiale genetico fra i 2 nuclei avviene in una maniera unica tale da far dire, anche sulla base di calcoli matematici, che ognuno di noi è un fatto unico e irripetibile derivante dalla unicità e individualità del concepimento (G. Noia, 2016). Un’altra capacità e abilità dell’embrione, prima ancora di impiantarsi, è quella di riuscire a sopravvivere, per 8 giorni, nella tuba materna senza possedere energia derivante dall’ossigeno poiché ognuno di noi non era anatomicamente collegato alla circolazione sanguigna materna. Tuttavia, ognuno di noi ha mostrato una capacità e una plasticità di adattamento e siamo riusciti a utilizzare, per la replicazione delle nostre cellule, fonti di energia diverse da quelle dell’ossigeno, passando da un metabolismo aerobico (ossigenativo) ad un metabolismo anaerobico (non ossigenativo). (Gardner RL, 2001) Nei minuti, nelle ore e nei giorni dopo il concepimento e durante la nostra “vita tubarica”, abbiamo (noi embrioni precoci) indirizzato il piano programma genomico che ha fatto affermare alla ricercatrice Helen Pearson (2002) che il nostro destino è tutto scritto nel giorno 1 (“Your destiny from day one”) quando eravamo zigoti unicellulari (cioè embrioni ad una sola cellula). Infatti, appena si determina il nuovo individuo umano, dopo 26 secondi vengono attivati centinaia di geni e già in quei momenti si definisce un “file” di espressione genica che stabilisce quali saranno e come verranno formati i diversi organi, la posizione del corpo nello spazio e dove e quando si formeranno gli arti e la testa. (Piotrowska K, et al. 2001) Tutto questo è un vero e proprio protagonismo biologico, la prima caratteristica appunto.
2.L’embrione relazionato con la madre. La seconda caratteristica è la relazionalità dell’embrione con la madre sia sul piano biologico, che avviene prima dell’impianto (7-8 giorni) che sul piano psicodinamico: infatti, sin dopo il concepimento inizia una relazione del figlio con la propria madre (J. Douglas et al. 2011); essa è costituita da messaggi biochimici, immunologici e ormonali che segnalano alla madre la presenza del proprio bambino e che lei dirige e organizza per impedire che il figlio, per il 50% simile al padre e quindi diverso da lei, possa essere riconosciuto ed essere rigettato, come le leggi dell’immunologia prevedono quando c’è una diversità di tessuti. (Horne AW, 2000) Invece tutti noi, pur essendo per il 50% diversi da nostra madre, non siamo stati rigettati grazie a questo cross-talk (linguaggio incrociato) che avviene fra noi, embrioni dei primi giorni nella tuba, e nostra madre che “prepara” il posto più adatto per essere ricevuti e per poter annidarci. (Mancuso et al., 2009) È talmente importante questa relazione che, se tale “colloquio” con nostra madre, non avviene in maniera ottimale, si può formare una placenta anatomicamente non ottimale, con successivi problemi di aborto spontaneo e/o di basso peso del neonato alla nascita. Il basso peso (< 2200 gr), come è stato dimostrato da molti lavori pubblicati, comporta ripercussioni nell’infanzia, nell’adolescenza e nella vita adulta. Tutte queste evidenze scientifiche supportano inconfutabilmente il concetto che i primi otto giorni non sono così insignificanti, come una cultura del “silenziamento” scientifico vorrebbe far credere, visto che da questo periodo e dalla qualità di questa relazione possono verificarsi conseguenze per tutta l’esistenza futura dell’individuo umano.
L’embrione medico della madre. Il problema tuttavia è un altro: spostare la dignità, scientificamente fondata, della persona umana dal concepimento all’impianto non è altro che una manipolazione scientifica con uno scopo ben preciso. Infatti, questo stratagemma (non suffragato da motivazioni scientifiche) avrebbe la finalità di sdoganare sul piano etico l’uso della pillola del giorno dopo, la pillola dei cinque giorni dopo, l’uso della diagnosi preimpianto, che comporta una perdita di embrioni del 93%, come i dati del Ministero della Salute ci hanno mostrato, e l’uso indiscriminato delle cellule staminali dell’embrioblasto (cellule staminali embrionali), con ovvia perdita dell’embrione stesso. La relazione con la madre poi prosegue, perché ognuno di noi, ha inviato cellule staminali alla propria madre, definite guaritrici, e che, inviate dal feto, attraversano la placenta, giungono nella circolazione sanguigna materna per circoscrivere e guarire alcune patologie della madre. (Bianchi DW1, 2000) Si realizza quindi il concetto che il feto è il “medico della madre” (Noia, 2018). La cosa ancora più sorprendente è che questa cura del figlio verso la madre, può avvenire anche sul piano psicologico (dalle evidenze degli studi analitici, il feto sembrerebbe rivestire un ruolo psicoterapeutico nei confronti della madre). (Fischetti Crova F. – Noia G. et al., 1990).
Tutto ciò attesta quanto forte sia questa relazione simbiotica, talmente forte che, quando questa viene interrotta, la donna può soffrire di gravi alterazioni dell’equilibrio psicodinamico, (Thorp JM, et al. 2005; Pedersen 2008; Broen et al. 2005) a volte anche molto grave (e si tratta di un’evidenza scientifica) e, quindi, si compromette la sua salute psicologica. (Gissler et a. 1987; Laura Bencetti 2015; Reardon DC1, et al. 2004; Fergusson DM, et al. 2006)

Di questa relazione tra l’aborto volontario e la salute psichica delle donne, nonostante le evidenze scientifiche, si parla ben poco, probabilmente perché si andrebbe ad evidenziare un’incongruenza di fondo della stessa Legge 194/78, che individua nell’aborto una pratica medica finalizzata a tutelare la salute psichica della donna e che invece la danneggia; ne verrebbe meno, quindi, uno dei presupposti fondamentali.
3.L’embrione feto curato prima della nascita. La terza caratteristica è quella del feto come paziente. Il feto come paziente: l’embrione e/o il feto può essere curato prima della nascita come un paziente adulto sia per via non invasiva (dando farmaci o sostanze alla madre che attraversano la placenta e poi arrivano al feto) sia per via invasiva. (Noia G. et al., 1998; Noia G. 2007) Quest’ultima metodologia è una modalità che utilizza l’ecografia al fine di indirizzare e far progredire dispositivi come aghi e altri strumenti nella cavità amniotica, nel cordone ombelicale o nel corpo stesso del bambino, con la finalità di curarlo per la presenza di gravi patologie. (Noia G., 2009) La forma invasiva di cura prenatale, quando gli aghi attraversano il corpo della madre e del feto, viene preceduta dall’analgesia materna e fetale per non far sentire dolore. È questo il grande campo dei trattamenti palliativi prenatali (palliazione fetale prenatale). I trattamenti palliativi prenatali non hanno solo la finalità di evitare il dolore al feto ma, soprattutto, contribuiscono a far sì che il dolore prenatale non abbia ripercussioni sullo sviluppo neurocomportamentale futuro del bambino. È questa la realtà del feto come paziente. (Noia G., 2019)
CONCLUSIONI
Da quanto detto si evince la necessità di fermarsi a riflettere su una vera cultura che custodisce e protegge la fragilità delle vite: della madre e del bambino non ancora nato, della coppia e della famiglia. Il lavoro culturale da fare è di mettere le future mamme nella condizione di poter compiere scelte ponderate e consapevoli, attraverso un lavoro di informazione scientifica corretta.  Tuttavia, bisogna anche lavorare perché ci sia pari opportunità reale per le famiglie che scelgono di proseguire la gravidanza (anche nell’ipotesi di incompatibilità con la vita extrauterina di un bambino con gravi patologie), di far nascere, accompagnare, curare e amare il proprio bambino fino alla fine, alla luce proprio di quell’imperscrutabile legame che li terrà inscindibilmente uniti anche nell’eventuale distacco. È doveroso, inoltre, pensare ad un sistema di assistenza medica (e non solo) che garantisca anche alle donne e alle famiglie che vogliono proseguire la gravidanza nonostante le gravi patologie del proprio bambino, tutto il sostegno necessario per portare a compimento un progetto genitoriale che, pur nelle avversità e nelle condizioni più estreme, si realizza pienamente attraverso l’accoglienza e l’amore verso il proprio figlio. (Noia G. et al., 2010) È questa la cultura dell’Hospice Perinatale – Centro per le Cure Palliative Prenatali S. Madre Teresa di Calcutta- Policlinico Gemelli. E’ Il primo Hospice Perinatale ufficializzato in una struttura Universitaria Italiana.
Questo è anche un messaggio culturale di equiparazione di diritti civili e di reali pari opportunità: se una donna vuole interrompere la gravidanza ha una legge che sostiene la sua scelta, ma se una donna vuole continuare la gravidanza e amare il proprio figlio anche con gravi patologie, che cosa ha sul piano giuridico e sociale? Nulla! L’Hospice Perinatale è una valida alternativa all’aborto eugenetico.
L’evidenza più grande della cultura ingannevole che cerca di fuorviare le coscienze, si ritrova nella pratica, sempre più diffusa, di rispondere a tutta una serie di condizioni che si possono verificare nel corso di una gravidanza, con l’indicazione dell’aborto volontario come unica via risolutiva, una sorta di “cura” (si usa spesso il termine “aborto terapeutico”, che di terapeutico non ha assolutamente nulla!) e questo non è vero sul piano scientifico perché molte patologie congenite fetali possono essere curate prima e dopo la nascita. Allo stesso modo, il tentativo di individuare un periodo entro il quale è “lecito” ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza, oppure delle casistiche (malformazioni o malattie del feto, ad esempio) che consentono legalmente di accedere a tale pratica, è solo un modo per cercare di rendere più semplice e “tollerabile” il ricorso all’aborto.
In realtà, per quanti sforzi si possano fare in tal senso, rimane sempre un fatto: il fondamento dell’essere umano è inscindibilmente legato al mistero della vita e la natura stessa dell’essere umano viene compromessa da una cultura che cerca nella morte la risoluzione dei problemi che la vita stessa pone lungo il cammino. L’apparente debolezza dell’embrione che grida al mondo della scienza che è “uno di noi” è un monito e un programma: “è quando sono debole che sono forte”.

BIBLIOGRAFIA

• Donati P. (1986), La famiglia nella società relazionale. Nuove reti e nuove regole, FrancoAngeli, Milano.
• Donati P. (1997) (a cura di), Uomo e donna in famiglia, Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo.
• Donati P. (2013), La famiglia. Il genoma che fa vivere la società, Rubbettino, Soveria Mannelli;
• Arendt Hannah (2011), in Nati per incominciare A. Papa – Ed. Vita e Pensiero
• Corbella C. (2013), in Siamo nati e non moriremo mai più. Storia di Chiara Corbella Petrillo Cristiana Paccini,Simone Troisi – Ed. Porziuncola
• British Medical Journal Nov. 2000 Editoriale
• Noia G. (2016), Le cure prenatali – Nuovi percorsi di risposta alla diagnosi prenatale patologica, Cosenza – Falco Editore;
• Gardner RL – “Specification of embryonic axes begins before cleavage in normal mouse development” – Development. 2001 Mar;128(6):839-47
• Pearson H. (2002), Your destiny from day one, Nature Jul 4;418(6893):14-5.
• Piotrowska K, Zernicka-Goetz M. – “Role for sperm in spatial patterning of the early mouse embryo” – Nature 2001 Jan 25;409(6819):517-21
• J. Douglas et al. “Mother-offspring dialogue in early pregnancy: impact of adverse environment on pregnancy maintenance and neurobiology.” Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2011 Jul 1;35(5):1167-77.
• Horne AW, White JO, Lalani EN. – “The endometrium and embryo implantation. A receptive endometrium depends on more than hormonal influences”- BMJ. 2000 Nov 25;321(7272):1301-2.
• Mancuso, M. Zezza – “La prima casa” – Poletto 2009
• Bianchi DW1 – “Fetal cells in the mother: from genetic diagnosis to diseases associated with fetal cell microchimerism” – Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol. 2000 Sep;92(1):103-8.
• Noia G. (2018), Testimonianze, in Amato G. e al. Angeli della vita, pp.46-53 Gribaudi.
• Fischetti Crova F. – Noia G. – De Santis M. – Mancuso S. “Osservazioni sulla relazione psico-fisica madre-figlio durante il periodo gestazionale”. Convegno Nazionale sulla depressione post-partum. Vercelli 21 Aprile 1990.
• Thorp JM, Hartmann KE, Shadigan E. “Long-term physical and psychological health consequences of induced abortion: a review of the evidence” Linacre Q.2005 Feb;72(1):44-69.
• Pedersen – “Abortion and depression: a population-based longitudinal study of young women” – Scand J Public Health. 2008 Jun;36(4):424-8.
• Broen et al.- “The course of mental health after miscarriage and induced abortion: a longitudinal, five-year follow-up study” – BMC Med.2005 Dec 12;3:18.
• Gissler et a. – “Suicides after pregnancy in Finland, 1987–94: register linkage study” – BMJ. 1996 Dec 7;313(7070):1431-4.
• Laura Bencetti “Il suicidio dopo l’aborto: un dramma vero di cui non si parla” Notizie ProVita, ottobre 2015, pp. 9-10.
• Reardon DC1, Strahan TW, Thorp JM Jr, Shuping MW. – “Deaths associated with abortion compared to childbirth–a review of new and old data and the medical and legal implications” – J Contemp Health Law Policy. 2004 Spring;20(2):279-327.
• Fergusson DM, Horwood LJ, Ridder EM.- “Abortion in young women and subsequent mental health”- J Child Psychol Psychiatry. 2006 Jan;47(1):16-24.
• Noia G. – Caruso A. – Mancuso S. “Le terapie fetali invasive”. Societa’ Editrice Universo – Roma, 1998.
• Noia G. “Il figlio terminale”. Nova Millennium Romae – Roma, Febbraio 2007
• Noia G. “Terapie fetali”. Poletto Editore – Vermezzo – MI, Novembre 2009
• Noia G. “Fetal Therapies and Perinatal Hospice: the Science that Opens to Life” Congresso Internazionale – in collaborazione con il Dicastero Laici, Famiglia e Vita Yes to life! Prendersi cura del prezioso dono della vita nella fragilità – Roma, 23-25 maggio 2019
• Noia G. – Bellieni C.V. – Casini C. – Paluzzi S. – Castorina M. – Cavoni C.D. – Losito M. – Paluzzi C. – Pietrangeli S. “La terapia dell’accoglienza”. IF PRESS – Morolo – FR, Dicembre 2010

PER SCARICARE SI ALLA VITA WEB  SAVweb_SPECIALE-EV

Gli appelli al Presidente del Consiglio, al Ministro della Salute e all’AIFA che due società scientifiche e diverse personalità note sui social media hanno fatto per estendere l’aborto farmacologico Ru486 (detta pillola del mese dopo, “kill pill” cosi definita nel mondo anglosassone) per autorizzare l’aborto farmacologico a domicilio senza bisogno del ricovero ospedaliero (l’aborto fai da te) e per estendere da 7 a 9 settimane l’epoca gestazionale cui è consentito ricorrervi, ci ha lasciati basiti.

Innanzitutto perché le difficoltà di attuare la scelta interruttiva sono state smentite da molti ospedali e in secondo luogo per la apparente indifferenza con cui si affronta un tale dramma in relazione alle conseguenze fisiche e psicologiche sulla salute delle donne. Infine, stupisce soprattutto la posizione di uomini di scienza che riteniamo di particolare gravità essendo coloro che dovrebbero tutelare la salute delle donne.

Il primo aspetto riguarda l’idea di incrementare il ritorno al privato, alla clandestinità dell’aborto volontario aumentando il peso psicologico nell’assumere la pillola abortiva dopo una scelta già difficile di rinunciare al proprio figlio.

Il secondo aspetto riguarda la sicurezza dell’aborto farmacologico le cui conseguenze sul piano fisico appaiono fortemente sminuite da certa letteratura e vengono completamente dimenticate le 40 morti materne riferite dall’OMS, silenziose, dovute prevalentemente all’infezione da clostridium sordelli, favorita da una vera e propria immunodepressione della risposta immunitaria. Inoltre, come è stato evidenziato nelle due ultime relazioni annuali al Parlamento sull’applicazione della legge 194/1978 (la relazione del 2019 non è stata ancora presentata!!!) è chiaramente specificato il maggior rischio legato all’aborto volontario con Ru486.

Tra il 2014 ed il 2016 ci sono state tre morti dopo aborto farmacologico (1 a Torino e 1 in Campania nel 2014 e 1 in Campania nel 2016). Prendendo in considerazione la sola morte di Torino ed il numero totale degli aborti volontari farmacologici fatti in Italia dal 2009 al 2016 (62.872), la mortalità materna è di 1,59/100.000 donne superiore all’1.1 x 100.000 donne registrata in altri lavori 15.9 volte superiore a quella dell’aborto chirurgico (0,1/100.000) (New England Journal of Medicine, 2005; Italian Journal of Gynecology and Obstetrics, 2008).

Inoltre è a tutti evidente che se l’epoca gestazionale viene portata a 9 settimane il numero totale delle donne sarebbe più che raddoppiato (nel 2017 le donne con epoca gestazionale fino a 8 settimane sono state 37.508, le ivg farmacologiche 14.267) e di conseguenza aumenterebbe notevolmente il numero di donne (minimo ~ 1.000) che avranno bisogno di essere sottoposte a revisione della cavità uterina per metrorragie confermando le complicazioni segnalate dalla FDA statunitense nel 2006 (950 complicazioni di cui 116 trasfusioni, 12.21%, 232 casi di ospedalizzazione, 24.42%). Infine oltre all’aumento numerico non si tiene conto che chi abortisce a casa ed ha una metrorragia abbondante corre subito al Pronto Soccorso quando si accorge di perdere molto sangue. In tal modo si crea maggior disservizio di quando il tutto avviene in una seduta programmata in ospedale ed esponendosi così realmente ad un maggior rischio di contagio.

Il terzo aspetto riguarda la solitudine delle donne: la donna è lasciata sola a convivere nell’attesa dell’espulsione del proprio bambino che può avvenire anche in presenza di altri familiari e, come riportato dal British Medical Journal, nel 56% dei casi le donne riconoscono l’embrione espulso.

Tutto questo rattrista molto perché di fronte all’eroismo di tanti colleghi medici (più di 100) che hanno perso la vita per curare persone ammalate di Covid-19, si constata la reticente connivenza di chi sa benissimo che l’aborto farmacologico è più rischioso di quello chirurgico. La manipolazione mediatica e psicosociale invoca uno stato di necessità che non c’è. Invoca i diritti delle donne senza tutelarne la salute fisica e/o psicologica.

COMUNICATO STAMPA

Roma, 8 aprile 2020

“L’aborto è un diritto delle donne per quelle associazioni che difendono la legge 194 e che chiedono che venga garantita l’applicazione anche in questo momento di emergenza per il Coronavirus. A causa degli ospedali intasati per facilitare la “pratica” hanno chiesto interruzioni di gravidanza farmacologiche senza ricovero che significa, in soldoni, la ‘giungla del fai da te’. 

Ma come? I radicali e la Bonino non avevano combattuto estenuanti battaglie per far terminare gli aborti in casa che causavano la morte anche delle donne e adesso invece chiedono un ritorno al passato? Un rischioso precedente che appare inconciliabile con lo spirito della legge stessa e con la salute della donna” hanno dichiarato Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente Pro Vita & Famiglia, onlus pro life già organizzatrice del Congresso delle Famiglie di Verona, sulle polemiche intorno alla pillola Ru486 direttamente a casa.

Ovviamente – hanno aggiunto Brandi e Coghe – non mancano le adesioni dei soliti “testimonial” delle battaglie abortiste, come Roberto Saviano, Laura Boldrini, Marco Cappato, Livia Turco, che da esperti quali sono in materia sanitaria, chiedono anche di allungare i tempi per l’aborto con la Ru486 da sette a nove settimane. D’altronde scrittori, politici, che ne sanno di cosa significhi praticare un aborto, così dal loro divano di casa suggeriscono con i loro sodali le interruzioni “totalmente da remoto” con la telemedicina” e il problema è risolto” Questi esperti da divano nemmeno si rendono conto di quanto sia pericolosa per la salute delle donne la pillola RU486, più rischiosa di un aborto chirurgico e per questo il servizio sanitario la somministra in regime di day hospital”.

Brandi ha poi concluso con un sospetto: “La realtà è che ben prima del Coronavirus il numero dei medici obiettori era in continuo aumento. Saltare di fatto il medico per fare un aborto può essere la soluzione che gli abortisti  cercano. Peccato che oggi come domani daremo battaglia, perché questo significherebbe non rispettare la prima parte della legge sulla tutela della maternità e sulle pratiche per disincentivare l’interruzione di gravidanza”.

 

Uff. Stampa Pro Vita & Famiglia

https://www.provitaefamiglia.it/blog/aborto-pro-vita-famiglia-associazioni-chiedono-aborti-domiciliari-ma-se-la-bonino-li-ha-combattuti

Torna su